MIAW Cattery - Gatti del Bengala | Il Gatto del Bengala
Allevamento amatoriale di Gatti del Bengala di Vicenza. Cuccioli di razza con pedigree disponibili all'adozione.
miaw bengals, miaw bengals vicenza, miaw bengals allevamento, allevamento amatoriale, pedigree, gatti bengala pedigree, Vicenza, vicenza, mossano, villaga, riviera berica, veneto, allevamento veneto, allevamento riviera berica, bengala, gatti alessia, alessia masiero, jessica masiero, gatti jessica, bengals, gatti bengalesi, bengalesi, gatto del bengala, gatto leopardato, gatto macchie, leopardo domestico, gatto macchie, gatto marrone, gatto bianco macchie, leopardo delle nevi, gatto tigre, spotted, marbled, cuccioli bengala, cuccioli bengals, cuccioli gatto, cuccioli leopardati, cuccioli gatto, gatti cuccioli, micetti, micetti leopardati, mici leopardati, bengal cat, bengala prezzo, bengala carattere, pelliccia bengala, mantello bengala, macchie bengala
349124
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-349124,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,moose-ver-2.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_floating,side_menu_slide_with_content,width_370,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
 

Il Gatto del Bengala

Il gatto domestico dall'aspetto selvaggio
Bengals' history

Storia e origini

Origine: USA

Sono diverse le ipotesi riguardo la paternità di questa razza: infatti negli anni degli studi sulla genetica, furono diversi i tentativi di incroci tra felini selvatici e domestici; uno tra i padri  fù, nel 1973, il dottor Centerwall che volle provare a rendere immuni dalla leucemia felina i gatti domestici incrociandoli con un esemplare di gatto leopardo asiatico.

Prima di lui, già negli anni ’60, la genetista Jean Mill aveva incrociato un gatto leopardo asiatico con un gatto domestico. Il suo scopo era quello di creare un mansueto gatto domestico che avesse però le sembianze selvagge del leopardo. Ed andando ancora indietro, addirittura nel secolo precedente, scopriamo che l’artista e giornalista britannico Harrison William Weir aveva incrociato un gatto leopardo asiatico con un gatto domestico. Tra il 1934 e il 1941 numerosi furono gli ibridi simili citati in pubblicazioni scientifiche.

Dopo anni di ricerca ed incroci, si è arrivati al riconoscimento della razza come gatto domestico a tutti gli effetti. Ad oggi il Bengala, seppur mantenendo nella genetica un ricordo selvaggio è frutto di allevamento tra esemplari che rientrano a pieno titolo nella categoria dei gatti domestici.

Attitude

Carattere

I Bengal in genere sono curiosi, sicuri di sé e amici devoti. Vanno d’accordo con gli altri animali domestici purché correttamente introdotti. Amano far parte della famiglia. È nella loro natura tenersi occupati. Sono molto affettuosi e stanno anche in braccio, quando decidono loro ma si divertono di più a giocare, inseguire, arrampicarsi ed esplorare. Cercare di prendere un Bengal quando è in piena ‘fase ludica’ è un po’ come tentare di trattenere l’acqua corrente! In genere gradiscono le coccole quando hanno sonno. Molti Bengal amano l’acqua e può capitare che vi raggiungano mentre vi lavate i denti o vi fate la doccia. Alcuni sono chiacchieroni, altri sono più tranquilli e usano la voce solo in casi particolari. I Bengal vorrebbero sempre stare accanto al padrone. Sono decisamente gatti d’azione.

Affetto

Il Bengala in famiglia

Il Bengal è un gatto molto attivo, curioso e giocherellone. Gli piace arrampicarsi e stare in alto, quindi è essenziale che abbia un tiragraffi ad albero, oltre che dei giocattoli per gatti. In casa può convivere bene con altri gatti o cani, se correttamente introdotti. Il Gatto del Bengala ama giochi che in genere non penseremmo: riporta oggetti e gioca con l’acqua dei lavandini!

Taglia

Aspetto generale

Come razza ibrida, il gatto del Bengala è tendenzialmente più grande di un normale gatto domestico. Questi felini sinuosi e atletici possono pesare fino a 9 kg ed essere alti fino a 70 cm. La loro struttura muscolare è piuttosto sviluppata, con zampe lunghe e “atletiche”. La testa del gatto del Bengala deve essere proporzionata,

L’elemento distintivo di questa razza è il suo aspetto selvaggio determinato – a prima vista – dal suo caratteristico mantello maculato, la pancia chiara che può andare dal crema al bianco in contrasto con i disegni dei fianchi e del dorso e il disegno tigrato delle zampe anteriori. I cuscinetti sotto le zampe sono scuri così come sono neri i sottili ed eleganti contorni di occhi, labbra e naso .

Mento, torace, pancia e zampe sono caratterizzate da una colorazione chiara che può andare dal crema al bianco, in contrasto con i disegni dei fianchi e del dorso. Occhi, labbra e naso sono contornati da sottili linee nere, i cuscinetti delle zampe sono neri.

La Caratteristica Pelliccia

Disegni del manto

I colori di base del mantello del gatto del Bengala passano dall’arancio al dorato, dall’ocra al color sabbia, con riflessi dorati detti “glitter su queste basi di colore si possono suddividere due grandi tipologie di disegni riconosciuti dagli standard di razza, ovvero il “marbled” e lo “spotted”:

  • Spotted: il disegno “a rosetta” ricorda le grandi macchie del mantello del gatto leopardato asiatico. La maculatura può essere costituita da macchie a colore unico (single spotting), oppure da rosette bicolore, definite “rosetted”.
  • Marbled: il disegno marmorizzato ricorda il disegno tigrato di altre razze feline. Il mantello del Bengala dovrebbe però ricordare il meno possibile quello di un gatto domestico.

Le variazioni su disegni e cromie potrebbero essere ulteriormente approfondibili, a seconda di sfumature e sviluppi del disegno.

Varietà

Colori del manto

Volendo dividere i colori tipici del pelo della razza in tre macro-categorie potremmo definirle come Brown, Silver e Snow; analizzando gli esemplari appartenenti ad ognuno di questi insiemi, possiamo notare variazioni sia di intensità che di tonalità.

  • BROWN – Marrone

Questo colore di manto si sviluppa in un’interessante gamma di colori di sfondo come crema, fulvo, miele, taupe (grigio con sfumature brown), marrone chiaro, beige, caramello o rosso. Il Bengala brown presenta un motivo maculato nero o marrone scuro. Tipicamente la variante Brown è accompagnata dal colore degli occhi verde o dorato.

  • SILVER – Argentato

Gli esemplari Silver presentano una pelliccia di colore tendente al bianco freddo o argento, con macchie nere. Il Bengala Silver presenterà occhi verdi o dorati.

  • SNOW – Bianco

La definizione Snow si riferisce  quel gruppo di esemplari che potrebbero ricordare il Leopardo delle nevi; come negli altri casi, anche qui abbiamo le variabili dettate da tono ed intensità: troviamo quindi i tre sotto insiemi dei Seal Lynx Point, il Seal Mink e il Seal Sepia.

// Snow – Seal Lynx Point
Il Seal Lynx point è il più chiaro tra gli Snow ed il soggetto nasce generalmente con il manto completamente bianco, eventualmente con maculature quasi invisibili. Solo nell’età adulta si potrà avere un’idea definitiva dell’aspetto del suo manto; di sovente quando il micino è piccolo le maculature sono spotted, ovvero rosette piccole e monocrome, che si espanderanno con la crescita. Il Seal Lynx point da adulto avrà un manto maculato marroncino grigio o brown, su uno sfondo bianco o crema. Il colore degli occhi è un affascinante blu ghiaccio.

 // Snow – Seal Mink
Il Seal Mink sin dalla nascita presenta un disegno del manto maculato ben visibile e che si scurisce con la crescita. Il tono di base del Seal Mink è di un bianco caldo / avorio, a contrasto col motivo maculato caramello-cioccolato. I Seal Mink  hanno gli occhi verdi.
 // Snow – Seal Sepia
I Seal Sepia di solito sono i più scuri del gruppo Snow e nascono spesso con un motivo distintivo in marrone scuro a più sfumature,  maculato o marmorizzato.
Il colore degli occhi dei Seal Sepia è dorato o verde.